← Case studies

Coppa del Mondo di Ginnastica Ritmica

La Coppa del Mondo di Ginnastica Ritmica è un grande evento composto da più appuntamenti, uno dei quali si svolge in Italia, un evento molto importante e apprezzato, che vanta la partecipazione di ginnaste e pubblico da tutto il mondo. Read More

Per la tappa italiana, che solitamente si svolge in tre giorni, siamo la biglietteria della manifestazione dal 2017.

Per la Coppa del Mondo di Ginnastica Ritmica abbiamo realizzato una private label di vendita con grafiche e stili del sito dell’evento. Sulla pagina è possibile acquistare biglietti ed abbonamenti di diverse tipologie, anche con l’opzione di scelta in mappa.
Una particolarità di questa private label è che è presente un campo in cui inserire il numero di tessera FGI (Federazione ginnastica Italiana), per consentire alle atlete di acquistare un certo numero di biglietti con un prezzo scontato. Per questo motivo l’organizzatore nella fase di preparazione dell’evento ci fornisce una lista di codici di tessere che verranno poi riconosciuti, quando inseriti sulla private label.

Per la vendita in loco, prima e durante la manifestazione, noleggiamo stampanti termiche Boca, ideali per biglietti ed abbonamenti fiscali. La nostra applicazione web di box office consente la vendita in loco, ma anche la gestione di omaggi, prenotazioni e l’accesso alla reportistica per monitorare e controllare lo stato delle vendite.

Per il controllo dei biglietti i giorni dell’evento l’organizzatore utilizza i nostri lettori professionali Zebra, dotati di SIM, con cui è possibile leggere 600-800 codici l’ora, ideali per location con dimensioni importanti.

Un progetto particolare fatto per è stato relativo all’annullo e rimborso dei biglietti per l’edizione del 2020, posticipata inizialmente ma poi effettuata a porte chiuse. Abbiamo realizzato una private label su cui gli utenti si registravano ed inserivano i dati dei biglietti da loro acquistati. Indicavano un iban (molte carte nel frattempo erano scadute) per ricevere l’accredito e potevano decidere se farsi rimborsare tutti i biglietti oppure non richiedere il rimborso e fare una “donazione” all’organizzatore.